ARCHIVIO COSTOZERO

 
Cerca nel sito



Vai al numero in corso


  Dicembre 2012

Articoli n░ 07
AGOSTO/SETTEMBRE 2010
 
UNIONE DI caserta - Home Page
stampa l'articolo stampa l'articolo

DELLA GATTA all'Assemblea degli industriali:
«Occorre buona amministrazione per far ripartire l'economia»

Materiali che anticipano il futuro: ecco GIGATHERM

RegolaritÀ e tutela in edilizia Parte da Caserta la nuova strategia delle CASSE EDILI

REINDUSTRIALIZZAZIONE: Governo e Regione confermano il "patto"

ROSA BOCCARDI eletta nella Giunta di Federturismo di Confindustria


Materiali che anticipano il futuro: ecco GIGATHERM

Il rivoluzionario prodotto è stato inventato da un docente della Sun, Ettore Del Giudice, e presentato per la prima volta al pubblico nel corso di un convegno organizzato dalla Sezione Costruttori edili di Confindustria Caserta

«Il prodotto è capace di assorbire energia meccanica conservando una capacità di elasticità pari a quasi l'80% di quella della pelle umana; di riflettere le radiazioni solari; è inoltre impenetrabile e traspirante»

di Vincenzo M. Arricale


Il tavolo dei relatori

"Un prodotto rivoluzionario". È il commento unanime alla relazione del professore Ettore Del Giudice, il quale - nel corso di un seminario svoltosi il 20 luglio scorso, presso la sede degli industriali di Caserta - con dovizia di documentazione, prove, attestati e filmati, ad una platea di qualificati imprenditori e tecnici ha illustrato le caratteristiche di Gigatherm, un materiale della famiglia dei rivestimenti che si preannuncia di grande interesse per il mondo dell'edilizia. Anzi, per dirla con le parole del professore di Tecnologie della Facoltà di Ingegneria di Aversa, un prodotto che ha l'ambizione di «rivestire le pareti delle case con l'energia». «Nella sostanza, ha spiegato Del Giudice, si tratta di un rivestimento costituito da microscopiche sfere cave di ceramica immerse in supporto acrilico, che a primo acchito potrebbe benissimo passare come una semplice vernice, benché molto speciale. Un prodotto che presenta però quattro eccezionali caratteristiche fisiche: un'alta riflettività nello spettro della radiazione solare, dall'infrarosso fino all'ultravioletto; un'alta impenetrabilità da parte di agenti esterni (acqua, smog, batteri, muffe, alghe); un'elevata traspirabilità e persino un'elevata resistenza all'invecchiamento». Ovviamente, si tratta di tutt'altro che di una semplice vernice, quella inventata dal professore Del Giudice, che a questo prodotto ha lavorato quattro anni, in perfetta solitudine («L'università non mi ha dato di certo una mano», ha annotato) ma avvalendosi della collaborazione, per la materia prima, di un grande gruppo industriale tedesco. Infatti, più precisamente, Gigatherm è un reticolo di micro-bolle di ceramica il cui diametro può variare da 0,2 a 100 micron circa, le quali sono quasi del tutto prive di aria o altri gas. Dunque, opportunamente manipolata in funzione degli effetti che si intendono enfatizzare, è l'alta concentrazione di bolle, le loro dimensioni, il vuoto interno e il materiale di cui sono fatte che ne determinano le eccezionali caratteristiche fisiche di cui si è detto. Il prodotto - come già detto - è stato presentato nel corso di un seminario intitolato "Riflettere l'energia: tecnologie e materiali per costruire il futuro", che si è svolto presso la Sala convegni di Confindustria Caserta, al quale sono intervenuti, con il professore Del Giudice, il presidente della Sezione Costruttori edili di Confindustria Caserta, Augusto Tedeschi; il presidente del Gruppo Giovani costruttori edili, Reich Atronne; il preside della facoltà di Ingegneria della Sun, Michele Di Natale; l'assessore ai Lavori Pubblici della Provincia di Caserta, nonché docente di Ingegneria della Sun, Pasquale Malangone; i consiglieri dell'Ordine degli Architetti di Caserta, Bruno Saviani, e dell'Ordine degli Ingegneri, Antonio Manzella; il rappresentante dell'Ordine dei Geologi della Campania, Gennaro Iovino.

Brillante e tutt'altro che accademica l'esposizione del professore Del Giudice, che ha documentato le caratteristiche di un materiale che è capace, tra le altre sbalorditive caratteristiche che possiede, di assorbire energia meccanica conservando una capacità di elasticità pari a quasi l'80% di quella della pelle umana; o anche di riflettere l'energia termica come uno specchio; o ancora di resistere ad acidi e a temperature elevatissime, facile da applicare (appunto, quasi come una vernice), e dai costi tutto sommato molto contenuti (intorno ai quattro euro per metro quadrato) per un ordinario impiego isotermico. Gigatherm, infatti, applicato come un qualsiasi rivestimento interno (due strati garantiscono una spessore minimo e più che sufficiente di 0,4 millimetri) e in tutte le sfumature di colori possibile, blocca gran parte del flusso di calore riflettendolo; anzi, la riflettività nei confronti degli ultravioletti protegge il materiale stesso e quello ricoperto da tutte quelle reazioni chimico-fisiche che generano l'invecchiamento di un materiale. Ne consegue un risparmio di costi da riscaldamento fino al 30%. Non solo, impenetrabile agli agenti atmosferici, il prodotto è idrorepellente (e, dunque, impermeabilizzante), ma rimane perfettamente traspirante, dunque, inibisce muffe e fughi, oltre a migliorare la luminosità degli ambienti. Inoltre, aspetto non secondario, è di facile impiego, dal momento che si può applicare a pennello e a rullo (facendo attenzione a particolari accorgimenti) e anche a spruzzo "airless" (con spruzzatori, cioè, che non immettono aria nel prodotto), direttamente sulle pareti le quali non hanno neanche necessità di essere preparate. "Rivoluzionario", appunto, è stato sottolineato dai numerosi interventi che hanno fatto da cornice alla relazione. E che hanno messo in luce anche un altro aspetto di questa vicenda. E, cioè, la qualità spesso misconosciuta dell'università e del territorio che la ospita, anzi, la capacità del territorio e della sua università di fare innovazione e di raccordarsi con il mondo delle imprese. O per dirla, con una parola molto abusata, di fare rete. Lo ha detto, in particolare, l'assessore Malangone, che ha posto questo assunto alla base programmatica della sua azione amministrativa di docente "prestato" dall'università alla politica. E lo ha ribadito il preside Di Natale, il quale, peraltro, ha anche ripetutamente raccomandato agli imprenditori, ai tecnici, ai numerosi giovani presenti la necessità di avere coraggio, di osare, «di investire sulle novità, di sperimentare nuovi materiali», perché è questo - ha detto - «l'unico modo possibile per cambiare il nostro destino economico». Numerose, infine, sono state le sollecitazioni tecniche dei rappresentanti degli ordini professionali intervenuti al seminario e le domande dalla sala sulle molteplici applicazioni possibili (non solo nel campo dell'edilizia), sulle caratteristiche, sulle problematiche specifiche e, soprattutto, sulla disponibilità del prodotto, magari al fine di poterlo testare in opera. Con riferimento a quest'ultimo aspetto, in particolare, il professore Del Giudice ha detto che c'è, in pratica, con opportune modifiche alle linee di impianti esistenti, già la possibilità di produrre su vasta scala due varianti di questo rivestimento coprente (Gigatherm I per interni e Gigatherm E per esterni). E magari, organizzando gruppi di acquisto, si potrebbero anche abbattere i costi di approvvigionamento, stimati orientativamente intorno ai 180 euro per secchio (con 15 litri di prodotto si ha una resa di due mani di circa 50 metri quadrati).

Download PDF
Costozero: scarica la rivista in formato .pdf
Agosto/Settembre - 1.220 Mb
 

Cheap oakleys sunglassesReplica Watcheswholesale soccer jerseyswholesale jerseysnike free 3.0nike free runautocadtrx suspension trainingbuy backlinks
Direzione e Redazione: Assindustria Salerno Service s.r.l.
Via Madonna di Fatima 194 - 84129 Salerno - Tel. (++39) 089.335408 - Fax (++39) 089.5223007
Partita Iva 03971170653 - redazione@costozero.it